Pizzeria Don Vincenzo

C’è tutto il cuore (e la pizza!) di Napoli da Don Vincenzo. Favolose pizze cotte in forno a legna, ma anche fritti, crocchè e dolci in un ambiente caratteristico, quasi a riproporre un vicolo della città che fu di Maradona (non a caso, spicca la sua maglia n.10 all’interno, insieme a tanti altri riferimenti partenopei).
Cucina napoletana a Gallipoli, con tanto gusto e varietà nel menu.

Pizzeria con mortadella impasto alla napoletana

Il locale non è molto grande, ma l’accoglienza e l’atmosfera lo trasformano, tanto da farlo diventare una città, ovviamente Napoli, il regno indiscusso della pizza. Entrare da Don Vincenzo, infatti, significa trasferirsi per il tempo di una cena nel cuore partenopeo, grazie a foto, disegni, oggetti e testimonianze tipiche dei suoi personaggi più famosi, da Totò a Maradona, tanto per citarne due fra i più illustri.

Non manca proprio niente in questo posto caratteristico, anche un po’ bizzarro, ma, naturalmente, la regina è proprio lei, la pizza. Anzi, la vera pizza napoletana.

Un angolo di Napoli nella “Città Bella”, per fondere due culture gastronomiche straordinarie

Pizzeria in stile napoletano a Gallipoli, con vestiti e mutande appesi nel locale

La pizzeria Don Vincenzo si trova nel cuore di Gallipoli, più o meno alla stessa distanza fra le sue due passeggiate lungomare, Galilei e Marconi, a pochi km dalle maggiori attrattive artistiche e storiche della città, in una via traversa del centralissimo Corso Roma.

Il clima, il mare, i profumi e la sana abitudine di mangiare bene accomunano la Perla dello Ionio proprio a quella Napoli qui così ben rappresentata, tanto da sentirsi subito piacevolmente accolti, quando si entra, nell’atmosfera così ospitale e allegra che tutti conosciamo, dove regna indiscussa una vasta gamma di pizze straordinarie, fragranti, sottili, ben condite e con tanti ingredienti di prim’ordine.

Il cliente, una volta entrato da Don Vincenzo, si trova catapultato in un vicolo del capoluogo campano, con i panni stesi alle finestre, e i tanti riferimenti alla città e ai suoi esponenti più conosciuti, con le suggestive immagini alle pareti di Totò, Sofia Loren, Pino Daniele e, ovviamente, il grande Maradona, in un insieme molto accogliente e caratteristico, quasi fosse un palcoscenico teatrale

I protagonisti, però, non sono gli attori, ma le pizze, realizzate con ingredienti di prima scelta, fra cui le mozzarelle, fior di latte e bufala, e i pomodori provenienti direttamente dalla terra campana.

Tante le varianti originali e gustose che affiancano le tradizionali, come le classiche Marinara e l’immancabile Margherita, tutte nella più tipica forma napoletana, tonda e sottile, e con il cornicione alto e soffice, spesso riempito o ricoperto, frutto di impasti con farine di qualità e lenti tempi di lievitazione, che le rendono molto digeribili, oltre che buonissime. 

Fra le pizze più richieste, vere e proprie creazioni del locale, spiccano le speciali:

  • Don Umberto, con mozzarella, peperoni, cipolle caramellate, capperi e pomodorini;
  • Don Luigi, con fior di latte, fiocchetti di ricotta, friarielli e ancora pomodorini;
  • Don Alfonso, con pesto di pistacchi, pancetta, mozzarella e burrata;
  • Donna Titina, con cornicione ripieno di ricotta e ricoperto di gustoso lardo, oltre a pomodorini e mozzarella classica.

Ma Don Vincenzo non è sinonimo soltanto di pizza: da provare sono anche gli sfiziosi antipasti e i fritti misti, altre golosità della casa. Impossibile resistere all’incredibile “Pallone di Maradona“, una mozzarella di bufala intera, imbottita con melanzane al funghetto, rivestita dalla pancetta ed infine da un involucro dell’impasto della pizza, fritto e mangiato caldo. Una vera specialità!

Non si può completare una cena da Don Vincenzo senza il dessert, evitando di perdere almeno uno dei tre dolci di punta:

  • Lasagna al cioccolato;
  • Babà;
  • Sfogliatella riccia.

Annoverata fra le migliori pizzerie di Gallipoli (se non addirittura del Salento), la Don Vincenzo dispone di circa 70 coperti, per i quali è vivamente consigliata la prenotazione, soprattutto nel periodo estivo.

Lascia un commento